BORSA SUNFLOWER

La borsa a piastrelle è un must have, uno di quei pezzi da avere assolutamente. A metà tra lo stile bohemian e hippie, questa borsa ha attraversato gli ultimi 40 anni restando sempre attuale e contemporanea.

Le borse a piastrelle possono essere da varie forme e dimensioni. Possono essere realizzate in acrilico, cotone, cordini per borse in generale, ma senz’altro, nella sua accezione estiva, la juta è il filo perfetto. Incarna proprio lo stile di questa tote bag. La borsa è molto ampia e capiente. Misura 36 x 40, ma è anche molto molto leggera. Perfetta per arricchire i nostri look giornalieri, ma non disdegna mare e quelle occasioni in cui abbiamo bisogno di una borsa grande ma non vogliamo rinunciare allo stile.

Ma dietro ogni borsa c’è tanta tecnica e oggi ne vedremo alcune interessanti. Dalla rete alla doppia fodera. Ma partiamo dalla piastrella.

Ne serviranno 18. Ogni piastrella chiede 4 giri che realizzeremo sfruttando i colori che più ci piacciono. Io ho scelto dei toni naturali che vanno dall’ecrù al moro. Creeremo due pannelli formati ciascuno da 9 piastrelle. Per le cuciture, ho optato per una tecnica a rilievo, capace di risaltare al meglio ogni singolo pezzo. Ogni pannello, sarà poi ripassato con un giro a punto basso.

Occupiamoci della rete. Dapprima andiamo a preparare il fondo 36×12. Ho preferito il fondo, perchè rende indeformabile la borsa e viste le dimensioni non ho avuto dubbi sull’importanza di avere una base bella rigida. Ho lavorato 2 p. bassi per ogni foro, aggiungendo 2 cat solo negli angoli. A questo punto possiamo avvicinare la rete e cucirla al fondo stesso. In questo modo rete e fondo saranno un pezzo unico e questa struttura vi potrà tornare utile per costruire borse più particolari, come per esempio le freeform.

A questo punto abbiamo la base per fissare il nostro lavoro a piastrelle. Ma prima di procedere, valutate se è necessaria la doppia fodera. Cos’è la doppia fodera? Quando si usa? La rete che serve per irrigidire la borsa potrebbe vedersi attraverso la trama del lavoro. Non tutte le piastrelle sono chiuse e alcune, come quelle che ho scelto io, possono avere delle parti più aperte. La rete sottostante quindi potrebbe vedersi. Cosa fare? Semplice, coprite la rete con uno scampolo di stoffa. Se restate tono su tono create uno sfondo neutro, ma se vi piace giocare con i colori, potrete usare delle nuance a contrasto che renderanno ancora più particolare il vostro progetto. Per cucire la fodera, basta passare con dei punto lunghi sulla rete stessa, sia in alto che in basso.

Adesso unite i due pannelli, svaporate se potete e provate a vedere se il pannello chiuso, calza bene sulla rete. Se non fosse così, niente paura. Sfilate la cucitura e aggiungete sul lato che dovete cucire una o due righe di punti bassi. I pannelli sono 2, quindi farete questo lavoro su entrambi i pezzi in corrispondenza dei lati che cucite. Quindi cucite e riprovate. Quando la calzata è perfetta, passate alla fase successiva.

Cucite la borsa al fondo, sempre usando la stessa tecnica. Fatto questo, munitevi di mollette e fissate la parte superiore della borsa sulla rete. In caso la rete fosse più alta della borsa, tagliate l’eccedenza. Fermate con le pinze e con un giro di punti bassi fermate rete e pannello.

Prima di fare la seconda fodera, cucite i manici. Con juta e ago da lana, andranno fissati nella parte intera della borsa, sfruttando gli ultimi due quadretti della rete. Quando usate la rete, cercate sempre, laddove è possibile, di cucire manici e accessori passando attraverso quest’ultima. Questa darà molta più resistenza a manici, tracolle, moschettoni, ponticelli…ecc..ecc… Cuciti in questo modo i manici saranno ben fermi e perfettamente integrati con la borsa.

Vi resta solo la seconda fodera. Questa l’abbiamo inserita davvero molte volte. Di tecniche ce ne sono diverse. In una lezione di scuola di uncinetto ne abbiamo viste alcune. La più semplice è quella in cui ricaviamo il fondo dalla cucitura inferiore della fodera. Tagliate un pezzo di stoffa 86×50, oppure due pezzi 43×50. Cucite su tre lati. Sul lato del fondo, ricavate due cuciture per creare il fondo. Fate una piega anche in alto e provate ad inserire la fodera dentro la borsa. Fermate tutto con le pinze e se non c’è bisogno di ritocchini, procedete nelle cucitura. Questa avverrà vicino al borsa superiore della borsa ed andrà a coprire anche il fissaggio dei manici.

In ultimo ho inserito dei bottoni a calamita per creare la chiusura. Come vedete di tecnica ce n’è tanta. Ci sono tanti passaggi, ma non difficili, che vi permettono di avere una borsa ben strutturata, resistente e capiente.

Se vi state chiedendo come sostituire la juta per chi non la ama molto, potrei dirvi cotone, acrilico o cordini per borse, purchè non troppo spessi. E’ il filo a dare l’aspetto alla borsa e quindi sceglietelo sempre con cura, ricordando le caratteristiche che ogni prodotto vi da. La juta non fa pallini come l’acrilico ed è molto più resistente del cotone…ma nessun filo è da bandire, al contrario, ogni filo ha una caratteristica che può rendere ancora più unica la nostra borsa. Fate la vostra ricerca stilistica, scegliete i colori e divertitevi a costruire la vostra Sunflower… ricordate… le mode sono solo tendenze, spunti per essere sempre al passo con i tempi. Ma noi non veniamo mai in secondo piano. Quindi tutto va sempre riportato a noi stesse e a quello che ci piace vedere. Quando passeggiando, lo sguardo di uno sconosciuto che incontrate si posa sulla vostra borsa, il vostro orgoglio è al massimo e un sorriso di compiacimento, beh, è inevitabile. Siate sempre orgogliose del vostro saper fare!

OCCORRENTE

📌 JUTA IN 4 COLORI 👉 https://www.tessiland.com/it/ricerca?…

📌 FONDO 36X12 👉 https://www.tessiland.com/it/69-fondi

📌 2 TAGLI RETE CANVAS 👉 https://www.tessiland.com/it/88-reti-…

📌 FODERA 👉 https://www.tessiland.com/it/51-foder…

📌 MANICI IN BAMBU 👉 https://www.tessiland.com/it/22-manici

📌 BOTTONE A CALAMITA 👉 https://www.tessiland.com/it/29-chius…

💖se vuoi sapere qualcosa in più sul filo, guardate quì https://www.youtube.com/watch?v=O7KKh…

⭐PER I PRODOTTI IL SITO E’… https://www.tessiland.com/it/

You May Also Like