BORSE

MINI ROUND BAG

 

LA MIA MINI ROUND BAG NASCE DALLA ROUND BAG A TRACOLLA…PENSANDO AD UN MODELLO SIMILE, MA DIVERSO PER STILE E UTILIZZO. COSI’ DOPO UNA TRACOLLA IN CORDINO E’ NATA LA MINI, IN RAFIA NATURALE E CON MANICI IN BAMBOO…UNO STILE PIU’ ESTIVO, SIA DA SERA CHE DA GIORNO, DA ABBINARE A JEANS, GONNE LUNGHE, PANTALONI PALAZZO…INSOMMA UNA BORSA VERSATILE E PRATICA…NEANCHE TANTO MINI!!!

PROCEDIMENTO

AVVIARE UN ANELLO MAGICO E LAVORARE ALL’INTERNO 8 P BASSI

2/ RADDOPPIARE LE MAGLIE, LAVORANDO 2 PB PER OGNI MAGLIA = 16 PB

3/ 1 PB E UN AUMENTO DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 24 PB

4/ 2 PB E 21 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 32 PB

5/ 3 PB E 1 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 40 PB

6/ 4 PB E 1 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 48 PB

7/ 5 PB E 1 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 56 PB

8/ 6 PB E 1 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 64 PB 

9/ 7 PB E  1 AUM DA RIPETERE PER TUTTO IL GIRO= 72 PB

10/ 1 PUNTO BASSO PER OGNI MAGLIA SOTTOSTANTE= 72 PB

LASCIARE 20 P. BASSI LIBERI E PROSEGUIRE IL LAVORO NELLE 52 MAGLIE RIMANENTI FACENDO DELLE RIGHE DI ANDATA E RITORNO DISTRIBUENDO A CASO 6 AUMENTI PER GIRA. LE RIGHE DA FARE SONO 4. PER AVERE I FIANCHI DRITTI E’ IMPORTANTE IN UNA RIGA PARTIRE CON LA MAGLIA BASSA E FARE GLI AUMENTI DOPO ALCUNE MAGLIE DALLA PARTENZA, MENTRE NELLA RIGA SUCCESSIVA BISOGNA PARTIRE CON L’AUMENTO.,,FERMO RESTANDO CHE GLI AUMENTI DA FARE SONO SEMPRE 6.

NELLA 1° RIGA= 52+6= 58 PB…

NELLA 2° RIGA= 58+6= 64PB

NELLA 3° RIGA= 64+6= 70 PB

NELLA 4° RIGA= 70+6= 76 PB

NEL 5° GIRO LAVORARE UNA MAGLIA PER OGNI PUNTO SOTTOSTANTE= 76 PB

A QUESTO PUNTO DOVETE RITAGLIARE UN PEZZO DI RETE SEGUENDO LA FORMA DEL PANNELLO E CUCIRLA CON AGO E FILO IN COTONE. SUBITO DOPO FISSERETE I MANICI IN BAMBOO CON LA STESSA RAFIA  E CON L’AIUTO DI UN AGO DA LANA, IN MODO DA ATTRAVERSARE LA RETE E  RENDERE IL FISSAGGIO DEI MANICI PIU’ STABILE. DOPO I MANICI TOCCA ALLA FODERA…ANCH’ESSA VA RITAGLIATA SEGUENDO LA FORMA DEL PANNELLO E CUCITA CON AGO E FILO IN COTONE.

FATTE ENTRAMBI I PANNELLI, MISURATE IL PERIMETRO DA PUNTA A PUNTA E STANDO CIRCA 2 CM AL DI SOTTO CREATE IL GIROBORSA.

IO HO ESEGUITO 8 CATENELLE PER AVARE 7 P. BASSI…CHE ANDRANNO LAVORATI IN RIGHE DI ANDATA A RITORNO FINO A RAGGIUNGERE LA MISURA DESIDERATA. TAGLIARE E FISSARE LA RETE CON UN GIRO DI PUNTI BASSI, FODERARE.

A QUESTO PUNTO LA VOSTRA BORSA HA TUTTE E COMPONENTI PRONTE E VA SOLO ASSEMBLATA. FERMATE IL GIROBORSA IN PIU’ PUNTI CON L’AIUTO DI PINZE O CON DEI PEZZETTINI DI FILO E CUCITE PRENDENDO PUNTO SU PUNTO LE MAGLIE SUL PANNELLO E SUL GIROBORSA.

UNA VOLTA ASSEMBLATA ALL’INTERNO FISSERETE UN BOTTONE A CALAMITA E LA VOSTRA MINI ROUND BAG E’ COSI’ CONCLUSA E PRONTA PER ESSERE SFOGGIATA…E MAGARI ANCHE DECORATA A PIACERE CON NAPPINE O TUTTO CIO’ CHE LA VOSTRA FANTASIA VI SUGGERISCE.

CLICCATE QUì PER VEDER IL SUO TUTORIAL

 


BORSA IN RAFIA PIATTA

“Oceano”

 

 

Di borse non ne abbiamo mai abbastanza. L’estate poi è la stagione in cui sfoggiarle è un vero piacere. Più colori, più modelli, più materiali, per non essere mai banali!

Ecco allora un progetto facile e veloce che può essere adattato molto facilmente. Questa borsa può essere una comoda borsa da mare o piscina…così come una deliziosa borsa da passeggio. Leggera, ho usato solo 5 gomitolini di rafia piatta, pratica e semplice da decorare. Io ho usato dei bottoni, ma oltre che lasciata semplice, può essere decorata con mille motivi…per darle uno stile elegante o per darle uno stile più marinaro.

Si parte dai laterali per i quali ho avviato 15 catenelle 

** si lavora la riga di ritorno con 14p.bassi. Nell’ultima maglia ( oltre il 14° p.basso) andranno lavorati 3 p.bassi per creare la curva e un altro punto per iniziare il lato di ritorno. Alla fine avrete 14/3/14 p.bassi= 31 p.b

** fate la catenella e voltate il lavoro. Ricominciate con 14 p bassi e sulle 3 maglie della curva lavorate per ognuna 2 p.bassi( 6 p bassi totali), poi di nuovo la nostra costante di 14 p. bassi= 34pb

** fate la catenella e voltate il lavoro. Prima della catenella dovete fare il cambio filo, lasciate l’azzurro e prendete il verde. Di nuovo ripetete la vostra costante di 14 p.bassi. poi nelle 6 maglie della curva fate per ognuna 2 maglie( 12p.bassi) e di nuovo 14 p. bassi= 40pb

** nel giro seguente lavorerete le maglie come si presentano in modo da mantenere la forma piatta del vostro laterale…quindi lavorerete 40 p. bassi

** ricominciate il lavoro con il filo azzurro e con la costante di 14 p.bassi. Nelle 12 maglie della curva lavorerete 1 aum e 1 p.basso alternati. Finirete con 1 punto basso sulla 12° maglia…adesso vi restano le 14 della costante. = 46p.bassi

** ultima riga: lavorate le maglie come si presentano= 46pbassi.

senza staccare il filo fate 2 righe di p.bassi sul lato superiore del laterale in modo da pareggiare il bordo e avere una riga di azzurro uniforme intorno al vostro laterale. I laterali da fare sono 2.

Fatti i laterali vanno irrobustiti con della rete che andrà tagliata seguendo la forma del laterale e fermata cucendola con del filo in cotone. Foderare e lasciare da parte.

Passiamo al pannello principale.

** Iniziate lavorando 50 cat. alternerete delle righe di andata e ritorno facendo il cambio colore ogni 2 righe fin quando il pannello non arriva a 35 cm in totale… il panello sarà 44×35 e i punti bassi lavorati saranno 49 x ogni riga.

** tagliate un pezzo di rete 42x 35 e fissatela con un giro di p.basso tutto intorno ricordandosi agli angoli di fare  pb/cat/pb nella stessa maglia. A questo punto fissate i manici passando con la rafia attraverso il pannello e la rete con l’aiuto di un ago da lana. Quando entrambi i manici saranno ben fermi potete inserire la fodera.

** a questo punto passiamo alla confezione. Lasciate del filo abbastanza lungo dopo aver fatto i laterali in modo da averne abbastanza per eseguire la confezione. Cucite il pannello principale ai laterali prendendo entrambe le coste dei punti. Un punto sul pannello e un punto sul laterale. Inserite all’interno della borsa due bottoni a calamita e la vostra borsa è così terminata.

io ho decorato con dei bottoni ma la borsa può essere lasciata semplice o arricchita con i motivi più svariati, da quelli a tema marinaro a fiori, catene o tutto quello che la fantasia vi suggerisce.

 

PER QUESTO PROGETTO HO USATO 

2 gomitoli di rafia piatta verde

3 gomitoli rafia piatta azzurra

uncinetto 5

fodera/rete da 05/

bottoni a calamita

manici tondi in metallo

l’occorrente è come sempre tessiland

 

PER SEGUIRE IL TUTORIAL CLICCATE QUì


BORSA IN RAFIA PIATTA

 

 

 

Bella, comoda, pratica e leggera. Una borsa molto versatile che unisce lo stile alla praticità.

un semplice sistema di aumenti che permette di salire questa borsa quasi come una coffa siciliana…con i lati che salendo, diventano sempre più ampi. Le decorazioni, sempre in rafia, sono semplici fiori ricamati con l’aiuto di un ago da lana.

Si parte dal fondo, con l’anello magico e al suo interno si inseriscono ben 8 p. bassi. Naturalmente saranno 8 gli aumenti da fare ad ogni giro per ottenere che il fondo resti piatto. Nel secondo giro i punti si raddoppiano passando a 16 e dal terzo giro si cominciano a distribuire in modo da allargare gradualmente la base e portarla a circa 24 cm di diametro. Andremo a inserire 1pb +1aum nel terzo giro, questo porterà a 24 il num di punti.

Nel 4° giro, le maglie diventeranno 32, facendo ogni 2 punti bassi 1 aum

Nel 5° giro, le maglie diventeranno 40, facendo ogni 3 pb un aum

Nel 6° giro, le maglie diventeranno 48, facendo ogni 4 pb 1 aum

…procendendo in questo modo si arriverà al 14° giro con 112 maglia, cioè con 12pb e 1 aum

A questo punto la borsa sale in modo ancora più semplice perchè si faranno 4 giri di punti bassi consecutivi e poi nel 5° un giro di aumenti. Ogni 4 giri 1 giro di aumenti fino alla fine del lavoro. Fin quando cioè la borsa non arriva all’altezza che ci piace. Come fare gli aumenti? Basta inserire 8 punti bassi ad ogni giro distribuendoli a caso.

Per i manici ho preso 4 anelli da rivestire di 36mm di diametro, li ho rivestiti e lavorato i manici a spighetta rumena.

L’uncinetto per realizzare questo lavoro è a partire dal 5…

ecco il link del tutorial

 

 

 


BORSA IN RAFIA NATURALE

 

 

La rafia è un materiale davvero  molto versatile. Piatta, naturale o ritorta, riesce con il suo carattere a dare un tocco unico e particolare alle creazioni handmade. Primo requisito? Deve piacere! L’effetto che la rafia conferisce è unico e non ripetibile con nessun altro prodotto. Sostituirlo in un progetto significa principalmente cambiarne l’aspetto…

La pochette con il manico in bamboo, è realizzata con la rafia naturale, al tatto risulta un pò dura, rigida…ma il risultato è sempre sorprendente. In questo progetto sono partita con una base all’uncinetto…vige sempre la regola di fare il fondo tenendo presenti la misura della chiusura…ho poi fissato della rete e a questa poi dei pedini per favorire un miglio appoggio della borsa. Salendo poi con il punto basso, dopo tre giri, sono andata a creare delle maglie canestro prese due giri sotto, in modo da ottenere un disegno in diagonale.

Facendo correttamente il fondo, non dovremmo incontrare problemi al momento di cucire la chiusura. Dovendo fare un giro di p. basso, si può sfruttare quest’ultimo per stringere un pochino il giro( se fosse necessario) e adattare al meglio l’apertura della borsa con quella della chiusura. Per fissare bene la cli clac occorre far corrispondere gli snodi ai lati corti e rendere paralleli il lato lungo del fondo con il lato lungo della chiusura.

Prendendo un filo in lylon da 0.25mm si andrà ad eseguire la cucitura. Facoltativa la fodera…che a mio avviso è sempre più opportuna per rifinire al meglio le nostre borse

 Ecco li link per veder il tutorial

 

 


BORSA A RETE

“APPLE”

 

 

In estate è bello sfoggiare tante borse diverse adatte alle più svariate occasioni. La borsa da giorno, quella per il mare, quella per i giochi, da pomeriggio, da sera…o semplicemente per la spesa. Alcune borse, riescono ad essere abbastanza versatili da adattarsi a più utilizzi…e la “Apple” è certamente una di queste.

Partendo da soli 20 p.bassi( modificabili tranquillamente non essendo soggetti a multiplo) e con 6 righe si costruisce la fascia di partenza. Da questa si andranno a creare degli archetti di 5 maglie che si chiuderanno in ognuna delle maglie sottostanti con dei punti bassissimi. Formando un minimo di 65 righe, sempre formate da 20 archetti (di 5 catenelle fermate con una maglia bassissima in ogni archetto sottostante) che ci permetteranno di costruire il corpo borsa. La quantità di giri da fare è a pacere in base alla misura che si preferisce ottenere.

Si andranno a fare 1 p. basso in ogni archetto e poi altre 5 righe di p. bassi per avere, come per la parte iniziale, una fascia di 6 righe di 20 p.bassi.

Da questo momento si comincia a lavorare in tondo. Sui lati lunghi andranno fatte 3 cat e 1 p. basso in modo da definire bene il lato che nel giro seguente sarà ristretto eseguendo 1 p.basso in ogni archetto di 3 maglie. Girando intorno lavoreremo il lato lungo, poi saliremo sulla fascia eseguendo 6 p.bassi e allungando dopo l’ultimo p. basso, una cat. di 70 maglie per creare il manico. Il manico può essere allungato  a piacere. In tutto si dovranno eseguire 6 giri di p. basso intorno in modo che i manici abbiamo lo stesso spessore delle fasce a cui sono attaccate….più facile da fare che da raccontare. Ecco il link per poterla vedere

 


BORSA “ROUNDBAG”

 

 

Questa borsa è costruita in modo insolito, partendo da due pannelli di forma semicircolare uniti tra loro da una fascia sempre realizzata ad uncinetto. Sostenuta opportunamente da una rete, la borsa ha un sosteno perfetto e si presta per essere una tracolla comoda e versatile. Semplice da personalizzare e leggera…si indossa davvero molto volentieri.

Materiale: cordino slim blu notte/ uncinetto 3.5/ rete/ fodera/ tracolla/ borchie

Di seguito vi inserisco lo schema

avviare un anello con 4 catenelle chiuse insieme e all’interno lavorare 8 p. alti

nei due giri successivi raddoppiare il numero di maglie portandole nel primo giro a 16 e nel seconda a 32.

Si lavora a righe di andata e ritorno!

Dal terzo giro di cominciano a distribuire gli aumenti facendo in modo che il disco resti piatto e non formi delle onde…inserendo in un giro gli aumenti e nel successivo lavorando solo le maglie disponibili si riesce ad allargare il disco alla perfezione

1/ 8 p.alti

2/ 16 p.alti

3/ 32 p.alti

4/ 32 p.alti

5/ 48 p.alti ( 1 p.alto + 1 aum ripetuti per tutto il giro)

6/ 48 p.alti

7/ 64 p.alti ( 2 p.alti + 1 aum)

8/ 64 p.alti

9/ 80 p.alti ( 3 p.alti + 1 aum)

10/ 80 p.alti

11/ 96 p.alti ( 4 p.alti +1 aum)

12/ 96 p. alti

13/ 112 p.alti ( 5 p.alti +1 aum)

14/15/ 112 p.alti

Nelle ultime due righe si eseguono solo p.alti in modo da schiacciare il lavoro e tenerlo piatto. Fatti due dischi uguali va fissata la fodera. la rete da 0.5 cm va ritagliata seguendo la forma del pannello e  poi va cucita con ago e filo in modo da fermarla per bene. Sempr seguendo la forma del pannello ritagliare un pezzo di stoffa per foderare i singoli pannelli.

A questo punto va realizzato il giro borsa con un minimo di 6 p. bassi…ma questo num si può variare in base alla capienza che si preferisce. Il giro borsa dovrà essere 1 cm più corto del perimetro del pannello. Nel mio caso la misura era di 92, quindi la striscia è di 91×5. Ritagliare una striscia di rete della stessa misura e fissarla facendo un giro tutto intorno di p. basso. Foderare e cucire. Per cucire correttamente i pannelli al giroborsa è opportuno fissare dei pezzetti di filo per tener eben ferme le parti. Poi con l’aiuto di un ago da lana prenderete le coste interne e fisserete le parti.

Libera la scelta dei manici…che potranno essere realizzati ad uncinetto, così come potrete usarne in pelle o ecopelle, di metallo o resina…

Per la chiusura basterà fare una fascia con 6 p.bassi partendo dalla chiusura a moschettone stessa…la fascia verrà poi fissata nel retro della borsa e sul davanti con pochi punti fisserete anche il secondo anellino.

Nel tutorial ognuno di questi passaggi è spiegato passo passo….

 


 BORSA TAMBURELLO

 

LO STILE DELLA BORSA ABBINATO A QUELLO DEL PUNTO LA RENDONO SECONDO ME UNA DELLE PIU’ BELLE DI SEMPRE…CERTAMENTE LA MIA PREFERITA!

REALIZZARLA E’ MOLTO PIU’ SEMPLICE DI QUANTO POSSA SEMBRARE. BASTANO 2 FONDI PER BORSA E DEL FILATO BIANCO E NERO.

IO HO SCELTO DUE FONDI DA 23 CM, DEL CORDINO THAILANDESE BIANCO E NERO E PER LE FINITURE HO SCELTO 2 PONTICELLI E UNA TRACOLLA IN ECOPELLE CON DETTAGLI ORO/BRONZO.

SI PARTE DAL FONDO, ESEGUENDO LUNGO IL SUO PERIMETRO IL PUNTO CATENELLA. SI TAGLIA IL FILO E SI RICOSTRUISCE L’ULTIMA CATENELLA RIPASSANDO IL FILO ATTRAVERSO LA PRIMA ESEGUITA. SI RICOMINCIA CON IL FILO NERO E SI ESEGUONO 2 PUNTI BASSI PER OGNI CATENELLA. MENTRE SI LAVORA BISOGNA INSERIRE 6 CATENELLE, IMPORTANTI PER ALLARGARE NEL MODO GIUSTO LA BORSA.

SI LAVORANO 3 GIRI DI PUNTO BASSO PRIMA DI INIZIARE LA LAVORAZIONE DEL PUNTO PIED DE POULE. SE VUOI VEDERE IL PUNTO QUI’ TI LASCIO IL LINK DIRETTO PER POTERLO VEDERE.

BASTERANNO 2 GIRI PER COLORE PER SALIRE DI 6 CM….OLTRE NON CONVIENE ANDARE! FATTO IL PRIMO FONDO SI INIZIA NELLO STESSO MODO IL SECONDO.

PRIMA DI ASSEMBLARE I PEZZI BISOGNA PENSARE ALLA CERNIERA….APPOGGIATE LA CERNIERA DA 40 CM ALLA BORSA E SEGNATE CON UN CONTAPUNTI L’INIZIO E LA FINE DELLA CHIUSURA. LA RIGA DI PUNTO BASSO VA DUNQUE LAVORATA NELLA PARTE NON INCLUSA NELLA CERNIERA.

UNITE A QUESTO PUNTO I DUE DISCHI, CUCENDO LE PARTI CON UN AGO TIRA FETTUCCIA, INSERITE I PONTICELLI E LA CERNIERA E LA BORSA SARA’ PRONTA PER ESSERE SFOGGIATA. UNO DI QUEI LAVORI CHE E’ PIU’ FACILE DA FARE CHE DA DESCRIVERE…VI LASCIO IL VIDEO PER VEDERE I PASSAGGI PASSO PASSO…

https://

 


O’BAG

 

La O’Bag è forse una delle borse più vendute di sempre…difficile non averne una! Ma perchè non farsela da sole? In realtà bastano i manici per creare una O’Bag e dare anche ad una borsa semplice un aspetto molto simile a quello della famosa borsa.

Ho preso un fondo in ecopelle da 30 cm e con un cordino lurex ho avviato il punto catenella intorno. Fatto il giro di punto catenella, si lavorano 2 punti bassi per ogni catenella. Solo all’angolo bisogna creare un aumento. Per farlo basta fare 1 catenella prima e dopo le due maglie basse dell’angolo. Quindi in tutto avrete 8 catenelle( 2 x ogni angolo).

Fatta la base per 20 cm si sale la borsa, cercando di tenere ben compatto il filo, che io ho lavorato con un uncinetto 3.

A questo punto bisogna dividere i punti della borsa. Dividete a metà la borsa segnando i 2 punti. Io avevo 104 maglie, quindi ho diviso 52/52. Poi si riprende di nuovo il centro  delle 52 maglie e si segna la maglia 26. Calcolato il centro perfetto della borsa, vanno lasciati 6 cm x parte.

12 saranno dunque i cm per separare un attacco dall’altro. Per ricavare l’incavo si lavorano 3 maglie bassissime e nel giro dopo sulle maglie bassissime si lavorano 3 catenelle volanti. Si prosegue a punto basso per altri 6 cm.

Una volta ottenuti i fori si applica ( se necessario) la rete.

La rete si applica tenendo presente la misura del fondo. Il fondo 30 sviluppa una circonferenza 75 cm. Si taglia quindi un pannello 75×26. Si inserisce la rete dentro la borsa e con un giro di punto basso si ferma la parte superiore. Tagliare il filo.

La rete va bloccata anche sotto aiutandosi con l’ago, si andrà a cucire la rete con il secondo giro di punto basso del fondo. A questo punto anche la rete va forata. Vanno tolti 4 quadretti per poter inserire bene la parte in plastica del manico. In un prossimo video vedremo come fare fodera e fascia.

Intanto vi lascio il link diretto per vedere il video, come sempre è più facile da fare che da spiegare

 


Borsa Trapezio

 

La borsa Trapezio è solo l’ultima in ordine di tempo. Realizzata con un kit in pelle, ha uno stile tutto sua che rende la borsa sicuramente diversa da quelle più comuni.

Il kit é composto da un fondo e da due trapezi su cui sono già integrati dei manici da spalla. L’indosso risulta molto confortevole, è leggera, visto che richiede tra i 300 e i 400gr di cordino.

I punti da fare sono davvero tanti, ma non consiglio di lavorare con delle texute troppo elaborate perchè la grandezza dei pannelli nasconde buona parte del lavoro. Meglio un punto semplice lavorato stretto. Al limite si può lavorare un punto più tridimensionale sotto e lasciare, come ho fatto io, tutta la parte superiore a punto basso.

Sia il fondo che i trapezi sono già forati e consentono un assemblaggio semplice.

Per il fondo si inizia lavorando a punto catenella e fermando l’ultimo punto sul primo. Fatto un nodo, si ripunta l’uncinetto nelle catenelle appena eseguite e si lavorano 2 punti bassi per ogni catenella sottostante. E’ opportuno inserire 6 aumenti ( cioè 6 catenelle) durante il lavoro. Non c’è bisogno di inserirle con un intervallo regolare. L’importante è non metterle tutte vicine. Questo impedirà alla borsa, salendo, di rientrare e deformare la parte inferiore della borsa.

Fatto il primo giro il lavoro si semplifica perchè fatti altri 2/3 giri di punto basso, si comincia a salire con il punto prescelto. Anche tutto punto basso va bene.

Occorre salire la borsa per 30 cm in totale. Non conviene fermarsi al di sotto di questa misura altrimenti saranno troppo  bassi i trapezi e mancheranno le giuste proporzioni alla borsa.

I pannelli sono molto rigidi, perchè in pelle, dunque conviene fare anche per loro un giro di punto catenella e poi cucirli alla borsa con l’aiuto di un ago tira fettuccia. Io ho fatto due giri in modo da fissarlo saldamente. Considerate sempre che i manici reggono la borsa…meglio un punto in più che un manico lento che rischia di staccarsi!

 

 

Indossata è comoda e leggera. Per tutta la borsa ho usato intorno ai 350 g di cordino lurex. I manici danno particolare comodità nell’indosso a spalla. Per saperne di più vi lascio il link diretto del video


Borsa Lulu’

 

 

La borsa Lulù nasce dal progetto 1+1….stesso filo stesso stile

un’idea che mi è venuta pensando a quante volte acquistiamo grandi quantità di un filato per poi vederlo avanzare e non sapere cosa farne.

Allora ho pensato di creare delle linee in cui sia possibile unire tra loro 2 pezzi, due accessori per esempio e farne un set originale e soprattutto molto trendy.

La borsa Lulù, piccola e leggerissima, è un bonbon, una bomboniera! Appoggiata su un fondo di soli 20 cm, è poi costruita con l’abbinamento di un cordino thay e un filo fantasia( effetto pelliccia) dalla sfumatura grigia e oro. Chiusa da una clic clac dalla finitura argento molto lucida, diventa una piccola scultura, leggera, pratica e indossabile anche come tracolla.

Naturalmente i mix di colori con cui realizzarla sono davvero tanti. Io ho voluto creare una base molto neutra come l’argento, ma dal coccio, al ruggine, passando per il bordeaux e il nero, questa borsa vedrà a sua bellezza in ogni colore voi sceglierete.

Sarà il filo fantasia a lavorare per noi dando un risultato davvero originale. La sua semplicità ne fa un progetto davvero alla portata di tutti.

Per chi avesse difficoltà nel cucire la clic clac  (che resta ostica a tanti), sul mio cale youtube trovate il video nella scuola di uncinetto in cui dedico una lezione proprio a questo accessorio…..ecco il video su come cucire la clic clac

Per chi invece volesse vedere il video della borsa, questo è il  link diretto

 


BEAUTY CASE

 

 

Non sarà una borsa, ma chi non ne possiede uno?

Da viaggio, ma anche comodo in bagno per cercare di tenere a bada la grande quantità di cosmetici che usiamo o che vorremmo usare!!

Io ho pensato di farne uno quando, cercando in garage, proprio non sono riuscita a trovare l’ultimo acquistato. Quando ti serve mai che lo trovi!!!!

Allora mi sono detta, hai il filo, hai una cerniera, fattelo da sola. E cosi ho preso un cartoncino e facendo delle prove ho ricavato le misure della mia borsina.

Usando un filo a me  molto caro, il filo Sofia Lux, il beauty è venuto su in pochissimo tempo, visto che il filo non solo è spesso, ma anche molto morbido da lavorare.

Potrebbe essere un regalo utilissimo anche da uomo, usando naturalmente colori a più consoni.

Il lavoro è semplice, veloce e chiede pochissimi prodotti. Vi sarà facile cambiare e sostituire il filo con uno che avete già perchè nel video vi do tutte le misure in centimetri.

Ecco il video, spero vi sia utile e di ispirazione


CLUTCH ECLETTICA

Ci sono molti modi di interpretare una clutch, che per sua natura può essere una borsa molto varia, per  forma colore e grandezza.

Questo è il motivo per cui ho scelto il nome eclettica…per la varietà di forme e connotati che si possono dare a questo splendido accessorio.

Realizzabile con una vasta gamma di filati e colori, basterà realizzare un pannello rettangolare per ottenere questo accessorio.

Fatto il pannello, questo andrà indurito con una rete da 0.5 cm ( che potrete reperire facilmente su siti o nelle ferramenta) e poi foderata…qualche accessorio, come una bella fibbia e la borsa sarà pronta da sfoggiare nelle più svariate occasioni.

L’indosso potrà essere a mano o a tracolla…maaaaa

se desiderate usarla non come borsa vi do un piccolo suggerimento. Fate il pannello un po più piccolo e non induritelo con la rete. Sarà una bustina super fashion da tenere in borsa per il nostro necessaire e sfoggiarla sarà un vero piacere.

Ecco il video con tutte le indicazioni per poterla realizzare.

 

 


 

POCHETTE NOCCIOLINA

 

 

POCHETTE NOCCIOLINA

La mia versione della pochette nocciolina, una modello molto amato e tra i più riprodotti.

Per quetso progetto ho usato un cordino sintetico piatto ed un  uncinetto 3.5.  Il pannello è lavorato per i 2/3 a punto basso e per 1/3 a punto nocciolina. Per conferire alla pochette un aspetto più rigido è necessario utilizzare del termoindurente di medio spessore. Oltre la fodera, saranno necessari: due ponticelli o moschettoni da fissare ai laterali per i manici, 1 chiusura( nel mio caso dei bottoni a calamita da cucire), una tracolla e a piacere una catena in resina.

A seconda del filato usato al quantità può variare…pe ril mio progetto ho usato 250 di filato.

Per avviare il lavro, partite con 39+1. Lavorate 39 punti bassi per riga per circa 28cm. A questo punto andrete a lavorare 10 righe di noccioline, per un totale di 12 cm.

il pannello dovrebbe misurare circa 40×25

Ricordatevi che

1…la nocciolina è un multiplo di 4+3 se lavorato in riga

2…che tra una riga e l’altra di noccioline, va sempre fatta una riga a punto basso.

Sono partita da 39+1 catenelle, ed ho lavorato tutto a punto basso fino a raggiungere una lunghezza di 28cm. A questo punto ho lavorato 10 righe di noccioline, per un tot di 12cm. Il pannello misura 40x 25.

Se utilizzate filati diversi nello spessore o se la preferite con misure differenti, non calcolate 39+1, ma ricordate la formula del 4+3.

vi lascio il tutorial


 BORSA THAY

 

 

Borsa a punto thai, con filato barry. Manici in pelle, chiusura e fodera interna, bordo ecopelliccia

Una borsa non semplicissima, ma davvero di stile. Per realizzarla ho usato un fondo in ecopelle, della lana e un bordo in eco pelliccia. All’interno della borsa è presente una rete da 0.5, della fodera e una cerniera.

Il punto scelto è il famoso punto Thay. U punto tridimensionale, non difficile, che regala una texture davvero favolosa. Il punto thay notoriamente è conosciuto per essere uno di quelli che consuma tantissimo filo. Sceglietelo per progetti semplici o se avete filati leggeri come lana e cotone.

La rete da mettere all’interno è semplice rete da giardino, da 0.5, facile da reperire nei negozi di bricolage o ferramenta. Indispensabile la rete e una cerniera per la chiusura.

la fascia in ecopelliccia fa tutto il resto….

vi lascio al video : tutti i passaggi sono spiegati passo passo

 

 


 

POCHETTE IN CORDINO

 

 

 

Una borsa molto semplice, che, grazie all’accostamento dei colori, prende una veste davvero molto originale.Si tratta di una borsa costruita a partire da un fondo in ecopelle e alzata attraverso un cordino thay sottile e lucidissimo. 

Per il punto ho scelto un semplice punto canestro per conferire una texture molto raffinata e al tempo stesso compatta…un punto bellissimo, ma ricordatevi che mangia un sacco di filo!!!

L’accessorio che riesce a dare a questa borsa il suo aspetto inconsueto è la patella con chiusura a girello. Scovata in un mercatino, si presenta in tessuto a righe bianche e blu notte…insomma uno stile marinaire sempre attualae e di moda. 

Una borsa che forse non ha ispirato moltissimi, ma sicuramente ha ispirato  la rubrica costume e società che  l’ha rimontata in un modo davvero straordinario utilizzandola per aprire un servizio sulla riscoperta dell’uncinetto. Una piccola soddisfazione personale che ricordo sempre con un grande piacere.

 

per vedere come sia semplice realizzarla

Vi lascio al video per vedere la semplicità di realizzazione

 

 


 

BORSA SECCHIELLO

 

 

 

Quando si vestiamo gli accessori rivestono un ruolo non secondario.

Abbinare una borsa sembra facile, invece non lo è.

La borsa secchiello è uno di quei modelli senza tempo, sempre di moda e amati, che trova il su abbinamento perfetto nei look sportivi o casual.

Un modello che si può rivisitare in 1000 modi diversi senza ripetersi mai. Basta cambiare un punto, il colore o aggiungere degli accessori per dare un tocco glamour o un aria vintage…

Per il primo progetto di cui vedrete il tutorial, ho scelto un tricottino a fantasia, che richiamava molto le nuance Missoni. Un colore equilibrato, brillante  e un po’ audace, per creare una borsa giornaliera da indossare su tutto con grande disinvoltura.

Nella foto sopra potete vedere altre due interpretazioni. Una versione a punto basso tutto nera. Ho poi aggiunto delle catene per una lettura più rock, mentre nel terzo progetto ho usato due cordini, nero e beige, per creare con il punto diamante un aspetto più vintage e senza tempo. Divertitevi a fare la vostra

 

vedi il tutorial passo passo

 

 


 

BAULETTO

 

 

 

Anche questo è un modello che non conosce tempo.

Gli stilisti da sempre inseriscono un bauletto nelle loro collezioni moda…e noi facciamo altrettanto.

Per realizzarla avrete bisogno di:

2 laterali da bauletto

1 rocca di cordino

1 coppia di manici in resina

rete/fodera/cerniera

Per realizzarla ci viene in aiuto la matematica…

Prendendo con il centimetro il perimetro dei laterali, potete calcolare di quanto fare lungo il pannello che poi andrà assemblato ai laterali stessi.

Fatto il pannello con il punto desiderato, andrete a posizionare la rete e la fodera. A questo punto conviene valutare i manici e se opportuno fissarli prima di cucire il pannello ai laterali.

Definiti i dettagli andrete a prendere i laterali, già lavorati a punto catenella e assemblerete il tutto.

in ultimo posizionerete la cerniera.

per vedere tutti i passaggi vi lascio al video

 

 


 

BORSA A SACCO

 

 

 

Dopo la pubblicazione del tutorial, vista la semplicità e la velocità di realizzazione, è stata una delle borse più riproposte dal pubblico.

Questa volta sono partita dai manici.

L’occorrente per questa borsa è :

  • 2 rocche di tricot
  • 1 coppia di manici in resina

Partiamo dai manici lavorando 26 punti bassissimi che serviranno per rivestire un quarto del manico. Avviamo 12 catenelle volanti e di nuovo ci agganciamo all’altro manico lavorando altri 26 p.bassissimi e poi 12 catenelle.  Unite le parti, non facciamo altro che lavorare tutta la borsa in tondo con il punto che più ci piace….Il sistema di riduzioni da fare sotto per chiudere è visibile sul tutorial  di youtube…

vedi il video

 


BORSA MASA

 

 

BORSA MASA

 

Anche questo modello classico è stato rivisto in un modo alternativo. L’idea era quella di nascondere le cuciture e farle capitare entrambe dallo stesso lato.

Occorrente per realizzare la Borsa Masa:

1 ROCCA DI CORDINO THAY

1 SCAMPOLO DI RASO

1 BOTTONE A CALAMITA

2 ANELLI METALLICI

1 ELEMENTO DECORATIVO

ESECUZIONE:

lavoriamo una catenella di 62 maglie + 1 per girare…per un totale di 40cm

dobbiamo realizzare un pannello 40×20

Il punto utilizzato è: alternare una mezza maglia alta a un punto basso in una riga e nella seguente fare il ritorno a punto basso in costa

Fatto il pannello segniamo la metà al 31° punto e proseguiamo il lavoro realizzando un pannello 20×20

Otteniamo così un rettangolo 40×20 con sopra un quadrato 20×20

Facciamo un giro di punto basso o bassissimo tutto intorno

Cucire la fodera

Ripiegare seguendo le diagonali e cucire con ago tira fettuccia a punto invisibile.

Otteniamo un lato liscio e l’altro con due cuciture che sarà il retro della borsa.

All’estremità dei vertici rimasti liberi, andiamo a realizzare 5 punti bassi…facciamo 4/5 righe in modo da ottenere una spalletta che potrà essere ripiegata sugli anelli metallici.

Manico

per il manico realizziamo 70 catenelle e lavoriamo 1 pb su ogni pb tranne agli angoli dove nel primo giro faremo 3 pb e nel secondo 6 (aumenti). Tagliare il filo lasciando una filza abbastanza lunga x eseguire la cucitura.

Ripiegare 3 cm del manico intono al primo anello e cucire bene, poi ripassiamo sulla catenella iniziale tenendo ben teso il filo e arriviamo all’altra estremità dove andremo a cucire la seconda parte del manico. Tagliare e fermare il filo.

Chiusura

avviare 6 cat + 1 e realizzare un rettangolo lungo 20cm. Giro di punto basso intorno. Cuciamo una parte sul retro della borsa e sull’altra fissiamo un bottone a calamita con alette. Cerchiamo il punto giusto sulla parte anteriore della borsa a fissiamo l’altra metà del bottone avendo cura di ripiegare bene le alette( usate un martelletto). L’operazione riesce facile nonostante sia già stata cucita la fodera- Applicare un elemento decorativo sulla patellina per nascondere le alette del bottone.

 

vedi il tutorial della Masa


BORSA IRIS

 

 

 

Chi ha detto che il tulle serve solo per le bomboniere?

In questo caso ho preso dei rotoli di tulle e mescolandole con del filo fantasia, effetto pelliccia, ho lavorato al borsa a punto basso.

L’effetto dell’abbinamento dei fili fa tutto il lavoro e non serve usare punti elaborati.

Per realizzare Iris vi occorre

4 rotolini di tulle

2 gomitoli di filo effetto pelliccia

1 fondo 30

1 clic clac da 20cm

filo di lylon per cucire e uno scampolo di raso x la fodera

Lavoriamo a punto catenella tutto il fondo con il tulle.

Nel giro seguente andiamo a realizzare dei punti bassi avendo cura di passare 2 volte nelle catenelle del lato corto e alternate sul lato lungo in una catenella 1pb e nella catenella sucessiva 2 pb.

Aggiungere il secondo filo, girare il lavoro( lavoriamo dall’interno verso l’esterno) proseguire tutto  il resto del lavoro a punto basso fino a raggiungere una altezza di 20/22 cm.

Facciamo delle riduzioni

mangiamo 12 maglie su ogni lato corto, avendo cura di avere sui lati lunghi lo stesso numero di maglie.

Mangiate le 12 maglie facciamo un ultimo giro a punto bassissimo cucendo anche la parte ripiegata all’interno.

Ritagliare  e cucire la fodera, avendo cura di fermarla sul bordo della borsa, in modo che venga poi cucita nella chiusura.

vedi il tutorial della Iris

 


BORSA LUXURY

 

 

 

La luxury nasce dalla chiusura dalla forma insolita, che mi ha ispirato una borsa alternativa e dal gusto un po particolare.

Per realizzarla ho usato un fondo rettangolare 14×25, una chiusura con manico integrato, fodera e tracolla.

L’assemblaggio del fondo è sempre uguale. ma quando si usano dei fondi con angoli molto netti, è opportuno fare qualche aumento in più per evitare che dopo pochi giri, la borsa rientri verso l’interno.

Dopo 4/6 giri si comincia a lavorare a intervalli regolari dei giri in costa dietro. Giri che serviranno per creare i volant.

Salita la borsa, si riaggancia il filo e ad ogni giro in costa si va  a realizzare un volant composto da due giri di maglie alte.

Fatta la borsa e foderata va applicata al cerniera. luxury.

Nel box informazioni sotto il video ( descrizione) trovate l’elenco dei materiali e il nome del sito dove ho acquistato i pezzi della borsa

 

clicca per vedere il tutorial


BORSA SOFIA

 

Borsa Sofia, primo progetto dedicato al filo Sofia che la tessiland ha realizzato pensando a me! Vi propongo questo primo progetto…

L’occorrente per realizzarla è:

1 kit in vera pelle ( comprende la vaschetta e i manici)

2 rocche di filo Sofia

8 piedini in metallo per i manici

passamaneria ecrù

Con il filo in cotone si va a lavorare la vaschetta, eseguendo 3 maglie in ogni foro con un uncinetto1.5/1.75. Fatto il giro, si cambia uncinetto e filo. Si lavora un un punto  basso in ogni spazio tra le maglie eseguendo 2 riduzioni per angolo. In questo modo chiudete la forma della vaschetta, altrimenti troppo svasata. Il punto di esecuzione è semplice perchè il filo sfumato non chiede grandi sforzi in questo senso.

Fatta la spalletta interna è possibile cucire più agevolmente la cerniera.

Per la spalletta occorre ridurre 10 maglie nei lati corti ed eseguire una maglia alta neglia ltri punti.

Ultimo passaggio è quello di cucire della passamaneria in odo da coprire l’aggancio del filo Sofia e  dare un aspetto ancora più particolare alla borsa.

Per tutti i dettagli vi lascio al video

 

clicca per vedere il video

 


POCHETTE NOCCIOLINA BOLLE BLU

 

 

Borsa Bolle blu

Occorrente:

cordino thay blu cina

chiusura clic clac lineare

semplice e veloce da eseguire è un pratico astuccio per occhiali, per i cosmetici, o semplicemente una piccola pochette da sfoggiare in 1000 occasioni.

ecco il link per seguire il

 

 


BORSA ICE

 

 

UNA DELLE MIE PREFERITE…LA BORSA ICE

Per eseguirla occorrono:

1 giroborsa in ecopelle nera

1 rocca di cordino thay

4 ponticelli per i manici

1m di tubo di plastica ( per i manici)

accessori a piacere

clicca su  per vedere il video tutorial


BORSA TULIPANO

PUNTO PRADA

 

BORSA TULIPANO

Per realizzare la borsa tulipano occorrono

2 rocche di thay nei colori Oro e bordò

4 ganci per i manici

1 fondo 14×25

1m di tubo in plastica per i manici

rete da 0.5

fodera in cotone/ cerniera

La borsa tulipano è realizzata a punto tulipano, meglio conosciuto come punto Prada. Realizzata in 2 colori rende meglio l’effetto del punto…la lettura del punto è bella anche ad un solo colore.

Con l’inserimento della rete conferisce una maggiore tensione del filo e la borsa risulta così molto raffinata e leggera. Vi lascio il link per seguire il tutorial passo passo. Ricordate di apri il box informazioni sotto il video per leggere le quantità e l’occorrente e tutti i dettagli utili per realizzarla.

Ecco il LINK:

PersonalTrainerCertification.us